Clicca per abilitare lo zoom
Caricamento Mappa logo
Filters

Posso vendere la prima casa entro un anno dal nuovo acquisto?

  • slider
  • slider
by Staff la Casa Capital
21 giugno 2018
Categorie:   Notizie

agevolazioni-acquisto-prima-casa

Se abbiamo la possibilità di comprare senza vendere nell’immediato e vogliamo usufruire dell’agevolazione prima casa possiamo… entriamo nello specifico:

La legge di Stabilità del 2016 ha introdotto un nuovo presupposto applicativo dell’agevolazione “prima casa”, infatti si permette di usufruire dell’agevolazione anche nel caso in cui si possieda un altro immobile acquistato con il bonus, sempre e quando lo si venda entro un anno dalla nuova compravendita.

Nel caso in cui si è proprietari di un immobile che derivi da un acquisto effettuato senza l’agevolazione “prima casa” ( per esempio eredità) tale “possidenza”, nello stesso comune, impedisce l’ottenimento di una nuova agevolazione anche se lo si venda entro un anno.

Quindi in questo caso per ottenere l’agevolazione bisogna vendere la casa di cui si è già in possesso prima di effettuare il nuovo acquisto.

Cosa succede nel caso in cui non riesca a vendere entro l’anno?

L’Agenzia delle Entrate afferma che in tale caso si applicano le stesse procedure previste per il mancato trasferimento della residenza entro 18 mesi o la vendita prima dei cinque anni senza successivo nuovo acquisto entro un anno.

Si aprono allora due possibilità, a seconda che sia decorso o meno il termine dell’anno:

  • Se il termine dell’anno non è ancora decorso, ma l’acquirente sa già di non poter rispettare l’obbligo, potrà presentare apposita istanza all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate, presso il quale è stato registrato l’atto. In questo caso sono dovute le imposte di trasferimento in misura ordinaria (e al netto di quanto versato in sede di registrazione) e i relativi interessi, senza applicazione di sanzioni.
  • Dopo il termine di un anno, si verifica la decadenza dell’agevolazione. In questo caso il contribuente potrà presentare apposita istanza all’ufficio dell’Agenzia delle Entrate, presso il quale è stato registrato l’atto, con la quale dichiara l’avvenuta decadenza delle agevolazioni e chiedere di poter usufruire dell’istituto del ravvedimento operoso.

Per scoprire di più contattaci, saremo pronti a rispondere a tutte le vostre domande!

“LA TUA SCELTA IN MANI SICURE”